Per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Per saperne di più e per sapere come modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

ACCETTA RIFIUTA
Salute

CREME SOLARI: COME SCEGLIERLE



Quali sono i parametri da prendere in considerazione quando si acquisto un prodotto solare per i bambini? Sul mercato, infatti, ce n’è per tutti i gusti e le tasche. Ma non tutte le creme protettive sono uguali e non tutte sono adatte ai più piccoli.
Di seguito un veloce vademecum per non sbagliare l’acquisto.

SCHERMI FISICI E SCHERMI CHIMICI

Le creme solari si distinguino tra quelle caratterizzate dalla presenza di schermi fisici e quelle con schermi chimici.
La differenza sostanziale è che le creme con schermi fisici sono costituite essenzialmente da polveri naturali che fungono da scudo contro i raggi solari, proteggendo la pelle dalle scottature (per esempio, il biossido di Titanio e l’ossido di Zinco, spesso presenti anche nelle paste protettive per i neonati).
Gli schermi chimici, al contrario, agiscono direttamente sulla pelle, neutralizzando i raggi UV ma con potenziali altri effetti collaterali non sempre sostenibili per un bambino (per esempio, potrebbero causare interferenze ormonali).

Al momento dell’acquisto, quindi, è meglio preferire le prime alle seconde proprio perché più adatte alle esigenze di un bimbo, soprattutto se molto piccolo.

FATTORE DI PROTEZIONE: QUALE SCEGLIERE

Prodotti formulati ad hoc per bambini (quindi con schermi fisici, come dicevamo sopra) con protezione 50+ sono i più indicati fino all’età puberale. Anche quando la pelle inizia a scurirsi e il rischio scottature si abbassa, è sempre consigliabile non scendere nel fattore di protezione e continuare a ungere la pelle durante tutta l’esposizione al sole.
Dopo i 10 anni, invece, e comunque dall’adolescenza in avanti, è possibile dopo le prime esposizioni scegliere un fattore di protezione più basso, cercando, però, sempre di proteggere la pelle dai raggi del sole.
Per quanto riguarda i neonati, al contrario, non andrebbero mai esposti direttamente ai raggi solari nelle ore calde della giornata e la loro pelle andrebbe sempre protetta anche per esposizioni brevi nelle prime ore del mattino o nel tardo pomeriggio.

COME LEGGERE LE ETICHETTE

Su tutti i prodotti cosmetici, comprese le creme solari, è sempre riportato in etichetta l’INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients). Gli ingredienti utilizzati vengono inseriti in base alla maggiore o minore presenza: al primo posto, quindi, troverete l’ingrediente maggiormente presente in termini di quantità. E via via a scendere fino a quello presente in misura minore.
Il fattore di protezione, normalmente, fa riferimento alla protezione dai raggi UVB. Ecco perché, per una protezione totale anche contro gli UVA, è bene preferire prodotti ad ampio spettro, che garantiscono una protezione totale anche contro questi ultimi.
La resistenza all’acqua rappresenta un fattore da non sottovalutare dal momento che i raggi solari possono causare problemi anche in acqua. Al termine di ogni bagno, non appena il bambino sarà asciutto, è bene ripetere l’applicazione per evitare problemi.
 

Non tutte le creme solari sono uguali. Prima di acquistarle, quindi, è bene sempre leggere le etichette e scegliere quelle più adatte alla pelle delicata dei bambini.