Per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Per saperne di più e per sapere come modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

ACCETTA RIFIUTA
Pappa

SVEZZAMENTO IN SICUREZZA: MEGLIO FRESCHI O CONFEZIONATI?



Tra i vari dubbi che possono cogliere la neomamma al momento dello svezzamento del bambino, uno senz’altro riguarda la scelta degli alimenti da acquistare.
Alcuni pediatri, infatti, consigliano ai neogenitori di orientarsi verso prodotti confezionati che garantiscono sicuramente una maggiore sicurezza.
Ma che dire della qualità? È ugualmente garantita?
Vediamo nel dettaglio i pro e i contro dell’una e dell’altra, ricordando, però, che non esiste una risposta univoca per eventuali dubbi e che non esiste nemmeno una regola di comportamento che possa essere valida per tutte le famiglie.
Fidatevi del vostro istinto e del vostro pediatra.
 
PRODOTTI CONFEZIONATI: SICUREZZA VS FRESCHEZZA

Il baby food si è, negli ultimi anni, talmente specializzato e diversificato che davvero sui banchi dei supermercati, ormai, si trova di tutto: non solo omogeneizzati di carne o pesce,  pappine già pronte, purea di frutta o verdura, ma yogurt pensati per le diverse fasi di crescita, brodi vegetali già pronti per la preparazione delle prime pappe, pastine di tutti i tipi e le forme…
Insomma, per chi decidesse di optare per questa soluzione non c’è che l’imbarazzo della scelta.
 
Le aziende produttrici garantiscono sulla qualità delle materie prime, assicurando il rispetto delle normative per quanto riguarda la produzione del cibo per la prima infanzia (assenza di pesticidi, frutta e verdura biologiche, carne proveniente da allevamenti controllati…), e sul rispetto delle norme igieniche per ciò che concerne la preparazione degli alimenti.

Da questo punto di vista, i prodotti confezionati sono senz’altro preferibili dal momento che escludono la possibilità di conservazione sbagliata, mal confezionamento…
 
Ci sono, poi, situazioni in cui i prodotti confezionati sono senz’altro più funzionali rispetto a quelli freschi:

  • Durante i viaggi e i lunghi spostamenti
  • Quando la mamma torna al lavoro e non ha tempo per preparare pappe e pappine
  • Quando non si ha la certezza della provenienza degli alimenti freschi acquistati al supermercato
  • Per diversificare l’alimentazione del piccolo quando non si hanno a disposizione alimenti di stagione per farlo (è il caso, per esempio, delle puree di frutta)
 
PAPPE HANDMADE: FRESCHE E GENUINE

La preparazione in casa delle pappe del bebè, rispetto all’uso di prodotti confezionati, garantisce due cose: genuinità e sicurezza rispetto alla scelta degli ingredienti.
Questo è vero, però, solo se mamma e papà conoscono veramente la provenienza delle materie prime.
In questi casi, la preparazione casalinga e giornaliera delle pappe è senz’altro da preferire, non solo perché esclude la possibilità che il bambino possa assuefarsi a gusti preconfezionati (le pappe pronte tendono ad avere un sapore uniforme che, invece, manca a quelle confezionate in casa con prodotti di stagione), ma perché abitua il piccolo alla stagionalità degli ingredienti e ad assaggiare i diversi alimenti quando questi sono effettivamente disponibili sul mercato.
Inoltre, permette alle mamme di diversificare i piatti di giorno semplicemente cambiando una verdura, aggiungendo o togliendo un ingredienti, dando a ogni preparazione l’aspetto e la forma desiderati.

Tra frutta e verdura freschi e, possibilmente, di stagione e prodotti confezionati, cosa è meglio scegliere per lo svezzamento del bambino?