Per offrirti una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull’uso dei nostri servizi da parte dell’utenza, questo sito utilizza cookie anche di terze parti. Per saperne di più e per sapere come modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy

ACCETTA RIFIUTA
Pappa

COME SCEGLIERE IL TIRALATTE



Ci sono diverse situazioni in cui il tiralatte può rappresentare una valida soluzione all’allattamento al seno: la mamma è tornata al lavoro e non riesce a soddisfare, durante il giorno, le poppate richieste dal bimbo; in caso di gemelli per velocizzare l’allattamento, soprattutto nelle ore notturne; per favorire la produzione del latte durante i primi giorni; per liberare i dotti mammari ed evitare ingorghi o altri fastidiosi problemi.

A disposizione diverse possibilità: la mamma, infatti, può scegliere di affittare il tiralatte per tutto il tempo che le è necessario (il servizio è disponibile presso alcune farmacie e catene per la prima infanzia). Oppure scegliere di comprarlo valutando se orientarsi verso un modello elettrico o a mano.

l tiralatte manuale, generalmente piuttosto economico e facile da usare (i prezzi vanno dai 15€ in su, ma difficilmente superano i 50€), presenta il vantaggio di poter essere utilizzato ovunque dal momento che non richiede la presenza di corrente elettrica. Di contro, però, è meno efficace rispetto a quello elettrico e richiede 'sedute' più lunghe per raggiungere la dose desiderata.
I tiralatte di ultima generazione sono dotati di una valvola che consente di regolare l'intensità del flusso a seconda della sensibilità della mamma e di una valvola anti-reflusso che evita che il latte rifluisca nella pompa.
È perfetto quando la mamma pensa di tirarsi il latte occasionalmente e durante i viaggi per integrare le poppate.
 
Il tiralatte elettrico, invece, ha prezzi più elevati (dai 50€ in su a seconda del modello con punte massime che possono arrivare anche ai 150/180€ per i modelli più professionali), ma il vantaggio di consentire una spremitura più rapida e, in alcuni casi, doppia (nel senso che è possibile contemporaneamente tirarsi il latte da entrambi i seni). Ecco perché è consigliato quando la mamma pensa di tirarsi il latte con una certa frequenza giornaliera e/o settimanale.
L'utilizzo è semplicissimo: basta appoggiare la coppa al seno, scegliere l'intensità di spremitura e procedere fino a raggiungere la quantità desiderata (generalmente con 10 minuti di spremitura si arriva a raccogliere sui 100/150ml di latte a seconda dei casi).

COME CONSERVARE IL LATTE
Il latte può essere conservato negli appositi contenitori sterili spesso venduti insieme al tiralatte.
Generalmente questi sono i tempi di conservazione:
tra i 25 e i 37° il latte dura, circa, 4 ore.
tra i 15 e i 25° gradi il latte dura 8 ore
sotto i 15° può essere conservato anche per l'intera giornata.
L'alternativa, è congelare il latte e scongelarlo di volta in volta in base alle specifiche esigenze.

A mano o elettrico? Comprato o in affitto? Quali caratteristiche deve avere il tiralatte?