Salute

COME PROTEGGERE LA PELLE DEI NEONATI



Alla nascita il meccanismo di difesa dell’epidermide non è ancora del tutto sviluppato ed è per questo che la pelle del neonato risulta essere più sensibile rispetto a quella di un adulto e più facilmente soggetta a irritazioni, arrossamenti e alterazioni della funzione barriera.
È per questo che è molto importante, sia per il bagnetto che per la detersione quotidiana, utilizzare prodotti specificamente formulati nel rispetto del delicato equilibrio cutaneo del bambino, evitando creme e bagnoschiuma che contengono ingredienti potenzialmente irritanti e/o sensibilizzanti, come gli allergeni dei profumi o alcuni conservanti.

I cosmetici per neonati e bambini rientrano essenzialmente in tre categorie:
• Prodotti per la detersione
• Protettivi per l’area pannolino
• Emollienti e idratanti per viso e corpo. 

COME SCEGLIERE I PRODOTTI PER LA PELLE DEL BEBÈ
Ecco alcuni consigli per orientarsi nella scelta dei prodotti più adatti ai neonati e bambini.

  • Optare per prodotti che utilizzano ingredienti naturali
  • Verificare che tutte le materie prime selezionate abbiano proprietà idratanti ed emollienti che garantiscono un’elevata tollerabilità sulla pelle
  • Evitare prodotti contenenti parabeni e fenossietanolo
  • Controllare che i prodotti siano stati testati dermatologicamente e approvati da dermatologi e pediatri.
  • Scegliere prodotti poco schiumosi, che non modifichino il pH della pelle del bimbo.
 
COME PREVENIRE LA DERMATITE DA PANNOLINO
È soprattutto la zona del pannolino quella più esposta al rischio di irritazioni e dermatiti. Ecco come prevenire il problema con alcuni semplici accorgimenti.
  • Cambiare spesso il pannolino durante il giorno. Sempre dopo la cacca, non appena possibile dopo la pipì
  • Quando possibile, evitare di pulire il bambino con le salviettine umidificate, ma utilizzare acqua e un detergente neutro formulato per i neonati.
  • Evitare di utilizzare borotalco per la zona delle parti intime
  • Quando possibile (in casa, in estate) lasciare il bimbo nudo in modo da far prendere aria anche alle parti intime.
 
DERMATITE ATOPICA: COSA FARE
Anche la dermatite atopica (una malattia infiammatoria cronica della pelle che si manifesta con  prurito intenso e secchezza cutanea) è piuttosto frequente nei primi 12 mesi di vita del bambino. Interessa, generalmente, la zona delle guance, le pieghe delle ginocchia e del gomito, i polsi e, talvolta, anche il collo, le caviglie e i piedi.
Si manifesta con pelle secca, arrossamento e prurito e si diagnostica facilmente con una visita dal pediatra. Sebbene non esista una cura specifica, si tiene sotto controllo con una corretta detersione e l’uso di prodotti specifici e idratazione costante. Anche l’abbigliamento è importante per attenuarne i sintomi, evitando i capi sintetici a diretto contatto con la pelle, e preferendo, invece, tessuti delicati come seta, viscosa, cotone o lino.

Come scegliere i prodotti per la pelle del bebè? Come proteggerla nei primi mesi quando è più fragile e delicata?