Salute

COME COMPORTARSI SE IL BAMBINO È STITICO?



La stitichezza è un problema comune che riguarda bambini di tutte le età.
Se, infatti, generalmente ne sono esclusi i lattanti (soprattutto quelli allattati al seno), già a partire dai primi anni di vita e in età prescolare i bimbi possono manifestare questo disturbo che, se non affrontato per tempo, può diventare “cronico”: più, infatti, ci si abitua a trattenere le feci, più è probabile sviluppare una tendenza alla stitichezza.
 
LE CAUSE
Molteplici le cause della stitichezza, a seconda dell’età del bambino e dello stile di vita:

  • Un’alimentazione povera di fibre e a basso contenuto di frutta e verdura
  • L’abitudine a trattenere le feci
  • La difficoltà ad andare in bagni non propri (per esempio nei bimbi che frequentano asili e scuole materne)
  • Una vita sedentaria (bambini poco abituati a muoversi, che trascorrono molto tempo su tablet e televisione…)
 
COME COMPORTARSI?
 
Alimentazione: quali cibi utili per contrastare il problema?
La stitichezza è, il più delle volte, causata da un’alimentazione sbagliata, ricca di grassi e povera di fibre. Poiché, poi, i bambini, generalmente, tendono a mangiare poca frutta e poca verdura, soprattutto nell’alimentazione dei più piccoli l’ago della bilancia tende spesso a essere spostato verso proteine e carboidrati a discapito di vitamine e fibre.
Che fare? Di seguito, un elenco di alimenti che non dovrebbero mancare nella dieta quotidiana del bambino nella proporzione della formula “l’età + 5” che calcola la quantità di fibre che ogni giorno una persona dovrebbe inserire nel proprio organismo (un bambino di 3 anni, quindi, dovrebbe mangiare almeno 8 gr di fibre al giorno).
  • Frutta: prugne, mele, pere, more e lamponi
  • Verdura: broccoli, zucca, patate dolci e piselli
  • Cereali integrali e legumi: fagioli, lenticchie, farina integrale, farina di segale, crusca
  • Noci e semi: mandorle, pistacchi, arachidi, noci e noci pecan
Da evitare, invece, i cibi confezionati che subiscono un lungo processo di trasformazione.
 
Attività fisica anche a 2 anni!
Attività fisica non significa palestra tutti i giorni. I bambini, però, devono avere la possibilità di muoversi ogni giorno. Portateli, dunque, al parco, in giardino, in cortile. Lasciate che corrano e si sfoghino. Anche nelle stagioni fredde. Un po’ di moto quotidiano, infatti, aiuta a sbloccare gli intestini pigri.
 
Abitudini generali
Abituate il bambino a non trattenere mai le feci (i bambini, infatti, spesso lo fanno quando sono impegnati nel gioco o stanno guardano la televisione…).
Attrezzate il bagno in modo che per il piccolo sia un luogo confortevole in cui stare. Abituatelo a una regolarità intestinale che si ripete tutti i giorni.

La stitichezza è un problema comune e diffuso tra i bambini di tutte le età. Alla base, il più delle volte, vi è un’alimentazione sbagliata. Ecco alcuni consigli per prevenirla e affrontarla e prevenirla.