Nanna

Nasino pulito, nanna serena



Quello della nanna è uno dei momenti più delicati nella vita quotidiana del bambino. Tutte le mamme, infatti, sanno quanto sia difficile far addormentare un bimbo, aiutarlo a prendere sonno, riposare tranquillo per tutta la notte. Tutte le mamme, per altro, sanno anche quanto sia importante, per il benessere del piccolo, che il sonno della notte (ma anche i riposini diurni) siano continuati, profondi e ristoratori. 
I bimbi, quando dormono bene, sono generalmente meno irritabili, più sereni e rilassati, e più disposti a essere collaborativi. 

PERCHÉ I BAMBINI NON DORMONO 
Quello sul sonno dei bambini, soprattutto nei primi mesi, è un grande tema che investe numerosi fattori. I motivi per i quali, infatti, alcuni neonati dormono poco (o apparentemente dormono poco), sono innumerevoli e non facilmente catalogabili. 
Diciamo, però, che se un bambino che ha sempre dormito serenamente smette di farlo, individuare le cause del problema è molto più semplice:

  • Non sta mangiando a sufficienza e si sveglia perché ha fame (questo potrebbe, per esempio, verificarsi nel passaggio dall'allattamento alle prime pappe).
  • Ha il pannolino sporco che gli provoca fastidio.
  • Sta attraversando una fase di passaggio (per esempio, l'inserimento al nido, la nascita di un fratellino, una separazione...).
  • Non sta bene. Ha il nasino chiuso, fatica a respirare, tossisce.
  • Ha mal d'orecchio o mal di pancia.
COSA SI PUO' FARE PER AIUTARLO 
Spesso i motivi per i quali i bebè faticano a prendere sonno e a dormire in modo continuato durante la notte sono molto banali. Ecco alcune cose di cui è necessario accertarsi:
  • Controllare che il pannolino non sia sporco provocando fastidio al piccolo
  • Assicurarsi che non si svegli per fame. In tal caso, parlarne con la pediatra per aumentare, eventualmente, le dosi della pappa (o il numero di poppate).
  • Accompagnare il momento della nanna a un rituale da ripetere tutte le sere, che tranquillizzi il bimbo e lo faccia sentire protetto (bagnetto, pappa, gioco, letture di una fiaba/filastrocca, nanna).
  • Lasciare una lucina accesa in modo che il piccolo non abbia paura rimanendo da solo al buio.
  • Assicurarsi che stia bene e che respiri nel modo adeguato.
A questo proposito, per una buona respirazione, può essere utile far rientrare la detersione del naso tra i gesti di igiene anche quotidiana da ripetere tutte le sere, subito dopo l'ultimo cambio di pannolino. Il lavaggio nasale, infatti, soprattutto se il bambino è raffreddato, aiuta a tenere pulite le fosse nasali che filtrano batteri e impurità, oltre a evitare la secchezza delle mucose. Questo previene problemi più gravi, quali otite o infezioni alle vie respiratorie e aiuta il piccino a dormire serenamente tutta la notte. 

Fluirespira soluzione fisiologica sterile in flaconcini monodose aiuta a eliminare il muco che ostruisce le cavità nasali e allevia rapidamente la secchezza nasale. Il flaconcino è dotato di un morbido 'proteggi-nasino' in gomma che evita il contatto diretto del flacone con il nasino del bimbo e permette un getto mirato e molto delicato. 
É utilizzabile anche con la terapia aerosol. 

É un dispositivo medico CE. Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni d'uso. 
Autorizzazione ministeriale 16/04/2014

Le difficoltà respiratorie, eventuali raffreddori, tosse, mal d'orecchio... sono spesso responsabili di notte inquiete, risvegli notturni, difficoltà a prendere sonno. Tutte cose che durante il giorno si traducono in irritabilità, nervosismo, pianto. Ecco perché è importante che il nasino del bambino sia sempre pulito.